Siamo ingrassati dopo le feste?


Corri per allenare la tua "capacità aerobica", non per dimagrire!

Lo sai che con un'ora di corsa a 8 km/h in "soglia aerobica" (65-70% FCmax) se pesi 70 kg. si "bruciano" solamente circa 16 grammi di grasso?
Hai idea di quanto devi correre per bruciare un Kg. di grasso? (circa 500 km).

Formula di Arcelli: grammi di grasso consumati nella corsa = [( peso corporeo x Km percorsi)/35]

Questo non per scoraggiare chi dopo le festività si è subito messo in moto perché la bilancia ha fatto notare un aumento del peso corporeo ma "la variazione di peso nel giro di pochi giorni è sempre a carico dell'acqua" quindi tranquillo non sei ingrassato!

Questo fenomeno avviene quando si verifica un aumento di glicogeno nei muscoli e nel fegato, infatti come succede generalmente durante le festività, l'aumento di consumo di vari dolci e alimenti, ricchi di carboidrati, fanno accumulare glicogeno (gli "zuccheri" del corpo umano) nel fegato e nei muscoli. Considerando che 1 grammo di glicogeno trattiene dai 2,7 ai 3,5 grammi di acqua, potrete comprendere come si è verificato l'aumento del peso.

Ancora più deleterio per la nostra salute sono le diete magiche, quelle che promettono tutto e subito in poco tempo (che generalmente trovate nelle riviste in edicola o dal parrucchiere).
Ripeto il concetto "la variazione di peso nel giro di pochi giorni è sempre a carico dell'acqua".
In questi casi se tutto va bene perdiamo acqua, altrimenti perdiamo muscolo, ci svuotiamo, perdiamo tonicità, creando forti disagi al nostro metabolismo. In questa situazione non appena terminata la dieta magica riprendiamo con gli interessi quei pochi chili che abbiamo precedentemente perso.

Il premio nobel sicuramente va dato a chi pigro (non ama fare attività fisica) e non intende fare sacrifici (nessun controllo alimentare) utilizza "prodotti dimagranti" (pillole, creme, fasce, etc.etc.etc.) o addirittura "dimagranti tonificanti".
Il primo pensiero che mi viene in mente è che, se esistesse un "prodotto" realmente capace di far dimagrire l'inventore sarebbe l'uomo più ricco e potente del pianeta.
Il catabolismo degli acidi grassi avviene nei mitocondri. Quindi se nelle creme non trovate tra gli ingredienti i mitocondri, queste non funzionano.
Ricordiamo che i lipidi (grassi) tra le numerose qualità e funzioni vantano di essere una delle principali forme di energia.
"L'energia non si crea nè si distrugge, ma si trasforma da una forma all'altra".
Se non si conoscono determinati meccanismi e si è vittime del marketing alcuni successi tarderanno sempre ad arrivare. 



Stile di Vita e Longevità

I cambiamenti dello stile di vita indotti dall'urbanizzazione e dal passaggio da un'economia agricola ad una industriale hanno rapidamente aumentato la percentuale di morti per malattie cardiovascolare.
Successivamente abbiamo visto affermarsi regimi ipercalorici con cultura da fast-food associato ad un calo drammatico dell'attività fisica che hanno inevitabilmente portato a diabete di tipo 2 e obesità.
E' presente in circa un quarto della popolazione adulta un gruppo di fattori di rischio cardiometabolici che comprende: insulino-resistenza, obesità, dislipidemia, ridotta tolleranza al glucosio, ipertenzione essenziale e infiammazione.
Il training fisico è un importante strumento di prevenzione primaria, oltre a rivestire un ruolo cardine nei pazienti affetti da cardiopatie croniche.
Le metanalisi di Oldridge e O'Connor, dimostrano una significativa riduzione di mortalità totale (-24%), mortalità cardiovascolare (-25%), morte improvvisa (-37%), reinfarto fatale (-25%);
Le metanalisi di Bobbio una riduzione della mortalità totale pari al 32% e cardiaca del 38%.
Una corretta prescrizione di training fisico, associato ad un'educazione alimentare ed una corretta gestione dello stress, ha dunque dimostrato di consentire una riduzione della mortalità e di migliorare di gran lunga la qualità della vita.
Oramai la popolazione deve comprendere che lo stato di salute non è solo un "diritto" ma è una condizione influenzata in misura primaria dallo stile di vita seguita da fattori ereditari e circostanze esterne.
In base alle evidenze scientifiche e all'indiscutibile efficacia dell'esercizio fisico, i professionisti della salute dovrebbero adottare un atteggiamento più propenso ad una collaborazione con i professionisti del fitness.